ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO (iscritti all’A.I.R.E.):
(Artt. 1, comma 3 e 4 legge n. 459/2001; art. 4 del D.P.R n. 104/2003)

Gli elettori residenti all’estero ed iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) per il Referendum del 20 e 21 settembre 2020 voteranno per corrispondenza, utilizzando la scheda di votazione che verrà loro recapitata a cura del Consolato competente per territorio all’indirizzo di residenza risultante all’A.I.R.E.: pertanto se tale indirizzo non è aggiornato si invitano gli interessati a comunicare tempestivamente la variazione di indirizzo al Consolato competente.

Opzione per il voto in Italia:

I residenti all’estero iscritti all’A.I.R.E. che desiderano esercitare il diritto di voto in Italia, nel Comune di iscrizione nelle liste elettorali, devono far pervenire all’Ufficio Consolare competente – entro il 28 luglio 2020 – la dichiarazione di opzione accompagnata da copia di un documento d’identità valido indicante: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d’iscrizione all’A.I.R.E., dichiarazione di voler esercitare l’opzione per il voto in Italia per il Referendum del 20 e 21 settembre 2020.

La dichiarazione può essere inviata per posta o per via telematica; deve comunque pervenire all’Ufficio Consolare entro il 28 luglio 2020. Qualora l’opzione venga inviata per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’Ufficio consolare, entro il termine prescritto.

Entro la medesima data è possibile presentare l’eventuale revoca dell’opzione già esercitata.

Scarica qui il modello di dichiarazione

ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO:
(Articolo 4-bis legge n. 459/2001 modificato da ultimo dall’art.6, comma 2, lett.a) della legge 3/11/2017 n.165

Opzione per il voto per corrispondenza:

In occasione del Referendum Costituzionale Confermativo del 20 e 21 settembre 2020, è prevista la possibilità di esercizio del voto per corrispondenza da parte degli elettori che si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche, nonché dei loro familiari conviventi.

Tali elettori dovranno far pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro il 19 agosto 2020 la dichiarazione di opzione accompagnata da copia di un documento d’identità valido, contenente in ogni caso l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’Ufficio Consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza.

L’opzione può essere inviata per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall’interessato.

Il modulo per esercitare questa opzione è scaricabile cliccando QUI
Modalità di trasmissione al Comune di Bollate:
Posta ordinaria: Ufficio Elettorale – Comune di Bollate, Piazza Aldo Moro 1, 20021 Bollate
Fax: 02 35005361
Posta elettronica ordinaria (PEO): servizidemografici@comune.bollate.mi.it
Posta elettronica certificata (PEC): comune.bollate@legalmail.it

Si comunica che è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.23 del 29 gennaio il D.P.R. 28 gennaio 2020 di indizione del referendum ex art.138 della Costituzione per l’approvazione del testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.240 del 12 ottobre 2019.

Il testo del quesito referendario è il seguente:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n.240 del 12 ottobre 2019?»