Versione ad alta leggibilità

Comune di Bollate
 Giovedì 17 Agosto 2017
caratteri normali caratteri grandi alto contrasto disabilita css Stampa
Home - Vivere a Bollate

Vivere a Bollate

Occhio alle truffe


CAPITA che chi bussa alla porta di casa, chiama al telefono o si avvicina per strada,
NON abbia sempre BUONE INTENZIONI

CAPITA che individui tanto furbi quanto vigliacchi, avvicinino in particolare persone ANZIANE e cerchino di sottrarre denaro e oggetti preziosi con l’inganno, raccontando bugie, costruendo vere e proprie TRUFFE, ottenendo la fiducia delle potenziali VITTIME:

COME RICONOSCERE I TRUFFATORI

  • Generalmente i TRUFFATORI sono persone DISTINTE e BEN VESTITE, dicono di essere operatori della pubblica amministrazione, aziende, enti pubblici o privati  (Comune,  Inps, Asl, Poste, Enel, , ...);
  • chiedono, magari dopo aver mostrato frettolosamente tesserini di riconoscimento o lettere stampate, di entrare in casa per effettuare  VERIFICHE agli impianti e alla struttura della casa, CONTROLLI a documenti (dichiarazioni dei redditi, certificati, versamenti, riscossioni) e alla validità di banconote, oppure semplicemente per fare sondaggi d’opinione o ricerche di mercato;
  • cercano di  cogliere di sorpresa   gli  interlocutori  creando una    situazione  di  ansia,  pericolo,  urgenza,  descrivendo  PROCEDURE IMPROVVISE e IMPROROGABILI;
  • se sono in due o più  persone, una  ha  il  compito di distrarre la VITTIMA,  l’altra o gli altri di portare a segno la truffa o il furto.

COME DIFENDERSI, COSA FARE

  • NON APRIRE  agli sconosciuti  e NON FARLI ENTRARE  in casa controllando dallo spioncino e aprendo con la CATENELLA o il GANCIO DI SICUREZZA attaccati;
  • Diffidare degli ESTRANEI,  soprattutto se in quel momento si è soli in casa; conviene rimandare la visita inaspettata in un momento della giornata nel quale è possibile contare sulla compagnia di qualcuno fidato;
  • nel caso vi siano dei sospetti, TELEFONARE all’ufficio dell’ente nominato dalla persona sconosciuta. Attenzione a non chiamare numeri telefonici forniti dagli interessati perché dall’altra parte potrebbe esserci un complice;
  • tenere a disposizione, accanto al telefono, un elenco con i NUMERI TELEFONICI  dei servizi di pubblica utilità e  sicurezza (Enel, Telecom,  Polizia, Carabinieri, etc.) così da averli a portata di mano in caso di necessità;
  • NON DARE SOLDI a sconosciuti. Gli enti pubblici non riscuotono mai denaro con operatori nelle case dei cittadini. In ogni caso, meglio utilizzare i bollettini postali per avere un sicuro riscontro di qualsiasi pagamento effettuato;
  • se inavvertitamente si è aperto  la porta ad uno sconosciuto e, per  qualsiasi motivo, ci si sente A DISAGIO, non  perdere la calma. Invitare l’ospite indesiderato ad uscire dirigendosi con decisione verso la porta. Aprire la porta e, se è necessario, ripetere l’invito ad alta voce. Cercare comunque, per quanto possibile, di essere decisi nelle azioni.
    Chiamare le forze dell’ordine.

IN GENERALE, per tutelarsi dalle truffe:

  • diffidare sempre dagli ACQUISTI molto convenienti e dai GUADAGNI FACILI: spesso si tratta di truffe o di merce rubata; non partecipare a lotterie non autorizzate e non acquistare prodotti miracolosi od oggetti presentati come pezzi d’arte o d’antiquariato se non si è certi della loro PROVENIENZA;
  • non accettare in PAGAMENTO assegni bancari da persone sconosciute;
  • non firmare nulla che non sia chiaro e chiedere sempre consiglio a persone di fiducia più esperte. A volte basta una SEMPLICE FIRMA per subire anche GRAVI DANNI economici.


Argomenti correlati:



« Torna indietro 

project by Fantanet S.r.l.