Versione ad alta leggibilità

Comune di Bollate
 Domenica 20 Agosto 2017
caratteri normali caratteri grandi alto contrasto disabilita css Stampa
Home - Vivere a Bollate

Vivere a Bollate

Piani urbanistici attuativi vigenti

Ufficio Competente: URBANISTICA

DESCRIZIONE
Sono strumenti urbanistici attuativi di dettaglio, di iniziativa prevalentemente privata, attraverso i quali si attuano le previsioni del Piano Regolatore Generale (PRG). Sono strumenti per progettare, realizzare e controllare la qualità della città; per risanare il patrimonio edilizio ed urbanistico esistente.
Sono in genere utilizzati per la progettazione di interventi complessi per i quali l’intervento diretto mediante Permesso di Costruire o Dia non garantirebbe il controllo delle varie componenti costitutive del progetto.
I Piani attuativi devono contenere un progetto completo degli spazi pubblici, d’uso pubblico che devono essere accessibili e fruibili da parte delle persone con ridotte capacità motorie, significativi e riconoscibili in grado di costituire elemento di caratterizzazione dell’intervento.
I rapporti tra il Comune e i soggetti promotori (privati, immobiliari, enti, ecc.) sono regolamentati da un atto notarile (convenzione), che se non diversamente indicato ha efficacia per 10 anni. In tale atto vengono disciplinati i reciproci obblighi (cessione gratuita di aree per la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria, corresponsione di oneri per la realizzazione delle opere, ecc.).

CHI PUO' FARE LA RICHIESTA
Soggetti pubblici e privati, singolarmente o riuniti in consorzio o associati tra loro. I soggetti privati possono presentare proposte se aventi la disponibilità di aree od immobili compresi nel relativo ambito di intervento, se proprietari degli immobili interessati rappresentanti la maggioranza assoluta del valore di detti immobili in base all’imponibile catastale risultante al momento della presentazione del piano, costituiti in consorzio ai sensi dell’articolo 27, comma 5, della legge 1 agosto 2002, n. 166.

DOVE ANDARE
Per la consegna dell’istanza presso l’ufficio Protocollo
Per le informazioni preliminari e quelle legate al procedimento ed esame tecnico-istruttorio presso Ufficio Urbanistica, previo appuntamento telefonico.
COSA PRESENTARE
Istanza di approvazione completa della documentazione minima necessaria a corredo dei Piani Attuativi, come identificata dalla deliberazione di Giunta Regionale del 25 luglio 1997 n. 6/30267, pubblicata sul B.U.R.L. Serie Ordinaria n. 35 del 25 agosto 1997.
TEMPI DI RISPOSTA
Termini stabiliti dall’art. 14 della Legge Regionale n. 12 dell’11.03.2005 e successive modificazioni ed integrazioni. 

PARTECIPAZIONE AL PROVVEDIMENTO
Dopo l’adozione dei piani, chiunque può partecipare al procedimento attraverso la produzione di osservazioni motivate sui contenuti degli strumenti adottati entro 15 giorni decorrenti dalla scadenza del termine per il deposito. Tali termini sono pubblicizzati mediante specifici avvisi pubblici. 

NOTE
I Piani urbanistici attuativi di iniziativa privata in vigore sono in visione presso Ufficio Urbanistica. 

NORME DI RIFERIMENTO
• Legge 17 agosto 1942 n.1150
• Legge 5 agosto 1978 n. 457 “Norme per l’edilizia residenziale”
• Legge Regionale 23 giugno 1997 n. 23 (art. 3)
• Legge Regionale 11 marzo 2005 n. 12 e successive modifiche ed integrazioni.
• Norme Tecniche di attuazione del P.R.G.
• D.G.R. 25 luglio 1997 n. 6/30267


Ufficio Competente: URBANISTICA



Argomenti correlati:



Documenti allegati:



« Torna indietro 

project by Fantanet S.r.l.