Versione ad alta leggibilità

Comune di Bollate
 Martedì 27 Giugno 2017
caratteri normali caratteri grandi alto contrasto disabilita css Stampa
Home - Vivere a Bollate

Vivere a Bollate

Matrimonio - richiesta di pubblicazione per cittadini stranieri

Ufficio Competente: STATO CIVILE

DESCRIZIONE
Pubblicazione per matrimonio civile, concordatario o acattolico.

COME ACCEDERE
Possono farne richiesta i nubendi se entrambi, o uno solo, residenti sul territorio di Bollate.

QUANDO FARE LA RICHIESTA
Due o tre mesi prima della data prevista del matrimonio. Se il matrimonio è religioso informarsi per tempo dal parroco (che richiederà altri documenti). La pubblicazione religiosa deve essere effettuata prima di quella civile.

MODULISTICA DISPONIBILE PRESSO
Ufficio Stato Civile.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
Documento d'identità, richiesta di pubblicazione con la quale devono essere indicati tutti i dati e la residenza dei richiedenti, dichiarazione (certificato di nulla-osta al matrimonio) ex art.116 del C.C.,  rilasciato dall'Autorità competente del proprio Paese che generalmente è l'Autorità Consolare o Diplomatica presente in Italia. 

A QUALE UFFICIO PRESENTARE LA RICHIESTA
Ufficio Stato Civile.

TEMPI DI ATTESA
Due o tre settimane.
La documentazione prodotta viene verificata e, constatata la sua regolarità si  procede, sentiti i richiedenti, a fissare la data in cui verrà eseguita la pubblicazione. L'atto viene affisso nell'apposito albo almeno per otto giorni consecutivi. Trascorsi tre giorni successivi alla pubblicazione senza aver ricevuto alcuna opposizione, è possibile contrarre il matrimonio a partire dal dodicesimo giorno. 

VALIDITA’
La pubblicazione vale sei mesi e quindi il matrimonio va celebrato entro questo termine.
 

COSTI DA SOSTENERE
L'atto è assoggettato al pagamento dell'imposta di bollo di € 16.00; il suo assolvimento avviene in modalità virtuale, pertanto l'importo dovuto deve essere versato direttamente all'ufficiale di Stato Civile al momento della pubblicazione.

NORME DI RIFERIMENTO
D.P.R. 396  del 3.11.2000  e  Codice Civile.

RECLAMI E RICORSI
L'atto di opposizione deve essere proposto con ricorso al Presidente del Tribunale competente. L'opposizione al matrimonio, se non già celebrato,  può essere proposta anche dopo il termine di affissione della pubblicazione.  

NOTE
Per i matrimoni civili, qualora si intenda celebrare il matrimonio in un Comune diverso da quello di residenza, va presentata motivata richiesta per ottenere il rilascio del previsto atto di delega. 


Ufficio Competente: STATO CIVILE



Argomenti correlati:



« Torna indietro 

project by Fantanet S.r.l.