Versione ad alta leggibilità

Comune di Bollate
 Lunedì 1 Maggio 2017
caratteri normali caratteri grandi alto contrasto disabilita css Stampa
Home - Vivere a Bollate

Vivere a Bollate

Cittadinanza italiana

Ufficio Competente: STATO CIVILE

DESCRIZIONE
Presso l'Ufficio Stato Civile vengono tenuti i Registri di cittadinanza sui quali vengono iscritte le dichiarazioni che il cittadino può rendere come previsto dalla legge ( rinuncia o riacquisto della cittadinanza ) e trascritti i decreti di concessione della cittadinanza e quelli che ne dispongono la perdita oltre che eventuali sentenze).

COME ACCEDERE
Il cittadino italiano ( o straniero) residente ed in possesso dei requisiti previsti dalla legge può rendere eventuale dichiarazione o presentare istanze. La legge che norma la quasi generalità delle situazioni è la N. 91 del 1992, come modificata dalla Legge 94 del 2009 e dal Regolamento di esecuzione D.P.R. N.572 del 1993.

QUANDO FARE LA DICHIARAZIONE
In presenza della volontà soggettiva ed il possesso dei requisiti e condizioni previsti dalla specifica normativa.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
Varia e specifica rispetto a ciascuna fattispecie ma, sempre e comunque, il documento d'identità e la documentazione riferita alla cittadinanza al momento posseduta.
Vedi modulistica

A QUALE UFFICIO PRESENTARE LA RICHIESTA E/O INFORMAZIONE
Ufficio Stato Civile
Ufficio Cittadinanza Prefettura di Milano www.prefettura.mi.it per le richieste di conferimento della cittadinanza italiana per residenza o per matrimonio con cittadino italiano o naturalizzato.

NOTE
La cittadinanza italiana si acquista per nascita, in qualsiasi Stato, da genitore/i italiano/i.
Per adozione di straniero minore di età .
Per beneficio di legge: art.4 L. 91/'92 – ad esempio: lo straniero nato in Italia residente legalmente ed ininterrottamente dalla nascita e fino al 18° anno di età.
Per naturalizzazione: art.9 L. 91/'92 – ad esempio: lo straniero residente legalmente in Italia da almeno dieci anni
Per naturalizzazione a seguito matrimonio: art.5 L. 91/'92 quando il coniuge straniero risiede legalmente in Italia da almeno sei mesi, oppure, se risiede all'estero, dopo tre anni dal matrimonio semprechè non sussista separazione legale.


Ufficio Competente: STATO CIVILE



Argomenti correlati:



Documenti allegati:



« Torna indietro 

project by Fantanet S.r.l.