Versione ad alta leggibilità

Comune di Bollate
 Lunedì 18 Dicembre 2017
caratteri normali caratteri grandi alto contrasto disabilita css Stampa
Home - Vivere a Bollate

Vivere a Bollate

Assegno nuclei familiari numerosi

Ufficio Competente: SERVIZIO SOCIALE

DESCRIZIONE
E’ un contributo in denaro erogato dall’INPS e gestito dal Comune, a sostegno delle famiglie italiane e dell’Unione Europea, dei cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo, nonché ai familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, con tre o più figli con età inferiore ai 18 anni. L’erogazione consiste in un assegno mensile, concesso per 13 mensilità, di importo variabile, commisurato alla situazione economica familiare.

COME ACCEDERE
Possono fare richiesta le famiglie italiane e dell’Unione Europea, dei paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo, nonché i familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, con tre o più figli con età inferiore ai 18 anni, con un valore ISE inferiore ad un importo che viene fissato nel mese di gennaio di ogni anno.

QUANDO FARE LA RICHIESTA
Dal 1° gennaio, dell'anno di riferimento, al 31 gennaio dell'anno successivo.

INFORMATVA DISPONIBILE PRESSO

Segreteria Servizio Sociale (tel. 02.35005568), Sportello Polifunzionale.

A QUALE UFFICIO PRESENTARE LA RICHIESTA

Il Cittadino interessato può richiedere l'erogazione del contributo attraverso il servizio gratuito fornito dai CAF convenzionati.
Il CAF trasmetterà al Comune la domanda corredata dalla Dichiarazione sostitutiva Unica e Attestazione ISEE, il Comune verifica i requisiti per accogliere la richiesta (cioè la composizione del nucleo familiare e le condizioni economiche), determina il provvedimento, lo comunica al richiedente e al CAF ai fini della trasmissione dei dati all'INPS che provvederà al pagamento.

TEMPI DI RISPOSTA

La risposta viene inviata per posta direttamente al richiedente entro 30 giorni. La liquidazione dell'assegno, a cura dell'INPS, avviene di norma in rate semestrali.

SANZIONI

Le dichiarazioni false sono punite ai sensi  del codice penale e delle leggi speciali vigenti in materia.

NORME DI RIFERIMENTO

Art.65 L.448/98 e successive modifiche DPCM 21.12.2000 n.452

Sito INPS


Ufficio Competente: SERVIZIO SOCIALE



Argomenti correlati:



Documenti allegati:



« Torna indietro 

project by Fantanet S.r.l.